Russia, donna partorisce e mette la neonata in lavatrice: la piccola è morta

Orrore a Talitsa, in Russia, dove una donna di 31 anni subito dopo aver partorito in casa ha messo la neonata in lavatrice. All’indomani, il marito della donna ha trovato il corpo di sua figlia nell’elettrodomestico e ha allertato i soccorsi, ma la bambina era già morta. La trentunenne è stata arrestata. 

Secondo l’accusa, la donna avrebbe indotto il parto prematuramente e dopo aver messo al mondo sua figlia, senza avvisare nessun membro della famiglia, avrebbe cercato di disfarsene. A sua difesa, la presunta madre assassina avrebbe raccontato agli inquirenti che la bimba era già morta quando è venuta alla luce. La vicenda ha contorni poco chiari. L’accusata non ha ancora indicato perché ha messo la neonata in lavatrice. 

La donna dovrà rispondere del reato di infanticidio, il crimine più aberrante ed innaturale che gli esseri umani conoscano. È madre di altre tre figlie e secondo quanto riporta la stampa locale, a detta dei conoscenti e parenti, la donna non avrebbe mai manifestato segni di squilibrio mentale né sofferenza psichica. 

Luigi Cacciatori 

Profilo dell'autore

Luigi Cacciatori
Luigi Cacciatori
Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

Luigi Cacciatori

Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: