Zanzibar, turista italiano aggredito con un machete

Vacanza da incubo per un trentenne veneto, aggredito e rapinato a Zanzibar lo scorso 16 luglio. L’uomo, di professione fisioterapista, è stato attaccato da un malvivente che prima ha cercato di sottrargli lo zaino e poi lo ha colpito e ferito con un machete. 

Secondo quanto si è appreso, la vittima è stata colta da dietro dal losco individuo. Il giovane, originario di Spinea, ha opposto resistenza e l’aggressore per tutta risposta gli si è scagliato contro con un’arma bianca, ferendolo ad una spalla e a una mano. Il racconto shock è stato riportato dal Gazzettino nell’edizione di oggi. Quell’uomo, afferma il malcapitato, “ha tentato di strapparmi lo zaino. Io ho resistito, lui mi ha colpito con una lama. Un pugnale o un machete, non so cosa fosse. So solo che sono finito in ospedale perché ero un lago di sangue“. 

Una feroce e brutale rapina che fortunatamente non ha avuto conseguenze peggiori di quelle che sarebbero potute accadere. Secondo quanto si è appreso, a distanza di tre settimane le ferite si stanno rimarginando ma nella vittima probabilmente il trauma dell’aggressione sarà ancora vivo per molto altro tempo. 

Luigi Cacciatori 

Profilo dell'autore

Luigi Cacciatori
Luigi Cacciatori
Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

Luigi Cacciatori

Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: