Francia, detenuto accoltella due guardie al grido di “Allah Akbar”

Grave fatto di sangue nel carcere di Condé-sur-Sarthe, nel dipartimento francese di Orne, in Normandia. Questa mattina, due agenti di polizia penitenziaria sono stati accoltellati da un detenuto radicalizzato. Le condizioni delle vittime sono gravi, i due agenti sarebbero infatti in pericolo di vita. 

L’aggressione si è consumata al grido di “Allah Akbar”, scrive la stampa locale che cita fonti penitenziarie. Alle due guardie sono state inflitte svariate coltellate. L’arma sarebbe stata realizzata con la ceramica, ma le informazioni diffuse sono ancora poche e frammentarie. 

L’offender, che sta scontando una pena di 28 anni nel carcere di massima sicurezza Condé-sur-Sarthe, dopo aver pugnalato i due secondini si è asserragliato in un’ala dell’istituto. Sul posto sono arrivate le forze speciali, che contano di concludere l’operazione in un tempo breve. 

L’aggressore è Michael Chiolo, radicalizzato dal 2010. È in carcere a seguito della condanna definitiva per aver sequestrato, torturato e ucciso insieme ad altri criminali, nel 2012, durante un tentativo di rapina, un ottantenne superstite dei campi nazisti. 

Luigi Cacciatori 

Profilo dell'autore

Luigi Cacciatori
Luigi Cacciatori
Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

Luigi Cacciatori

Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: