Colombia, autobomba in una scuola di Polizia di Bogotà: almeno 8 morti e 40 feriti

BOGOTA’, 17 GENNAIO – Almeno otto agenti sono morti a seguito dell’esplosione causata da un’autobomba deflagrata in una scuola di Polizia di Bogotà, in Colombia. Il bilancio delle vittime, che conta anche una quarantina di feriti, è ancora provvisorio. Secondo quanto precisato dalle autorità locali, il numero delle persone coinvolte sembra destinato ad aumentare. 

L’attacco, non ancora rivendicato, sembrerebbe che sia di matrice terroristica e messo in atto da un kamikaze. Secondo una prima ricostruzione, un’automobile sarebbe entrata a velocità elevata nel cortile della General Santander Police School sfondando le barriere dell’accademia. Il conducente del veicolo ha dapprima travolto un agente e poi è andato a schiantarsi contro l’ingresso di un edificio interno. L’esplosione è stata molto forte ed ha innescato un incendio. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco e numerose ambulanze. La zona è stata isolata per consentire alle autorità di effettuare i rilievi e i necessari accertamenti del caso. 

“La Colombia si rattrista ma non si piega davanti alla violenza”, ha scritto il presidente Iván Duque su Twitter. 

Luigi Cacciatori 

Profilo dell'autore

Luigi Cacciatori
Luigi Cacciatori
Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

Luigi Cacciatori

Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: