Firenze, padre ubriaco picchia la figlia di 15 mesi: arrestato

FIRENZE, 12 APRILE – Un quarantottenne di nazionalità albanese avrebbe schiaffeggiato ripetutamente la figlia di 15 mesi. Dagli accertamenti effettuati presso il Meyer di Firenze, è emerso che la piccola ha due costole rotte e una lesione al timpano. L’uomo è stato arrestato.

Dalla ricostruzione dei Carabinieri, che indagano sul caso, risulta probabile che la bimba sia stata aggredita dal padre, rientrato a casa ubriaco. L’allarme è stato dato dalla zia della bambina, chiamata dalla madre perché insospettita dal tono alterato del marito, con il quale aveva parlato al telefono. Quando la donna è entrata nell’appartamento, in piazza Libertà a Firenze, la bimba aveva il volto tumefatto. La bimba è stata trasportata d’urgenza al Meyer, sottoposta subito ad una tac e a tutti i dovuti controlli sanitari.

Il padre è stato condotto in caserma e dopo aver accertato la sua posizione, gli uomini dell’Arma lo hanno arrestato. Secondo quanto emerso, l’uomo – dipendente di una cooperativa di facchini – avrebbe ammesso di aver discusso il giorno precedente con la moglie e a causa del litigio, il mattino seguente ha bevuto “cinque o sei bicchieri di Sambuca”.

Luigi Cacciatori

Profilo dell'autore

Luigi Cacciatori
Luigi Cacciatori
Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

Luigi Cacciatori

Giornalista pubblicista. Ha una laurea in Economia Aziendale e successivamente ha conseguito una seconda laurea in Scienze dell’Amministrazione e della Sicurezza. Appassionato di Crime e studi sull'omicidio seriale, ha conseguito un master in Criminologia presso l’Università "Sapienza" di Roma. Collabora con la testata giornalistica InfoOggi.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: